Novità dai Tango Bond

Area di discussione generale aperta a tutti coloro che sono rimasti vittime dei default finanziari e desiderano apportare la loro testimonianza e il loro contributo.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Novità dai Tango Bond

Messaggio da rolieg » mar ott 06, 2009 7:31 am

Novità dai Tango Bond.
Per l’ennesima volta, fioriscono le indiscrezioni circa un possibile scambio che l’Argentina potrebbe presto proporre per i Tango Bond


http://www.soldionline.it/notizie/obbli ... tango-bond

Il Sole 24 Ore ha scritto che la Corte di Cassazione ha ribadito la validità delle multe comminate dalla Consob alle banche e ai funzionari delle stesse che nel periodo 1999/2002 avevano venduto ai risparmiatori obbligazioni emesse da Cirio e dalla Repubblica Argentina. Le multe sono arrivate nel biennio 2004/2005 a funzionari e manager degli istituti, per un ammontare compreso tra i 6.900 e i 34.600 euro.

Tango bond
L’agenzia AdnKronos ha riportato la notizia che nel mese di agosto il Tribunale di Milano ha condannato il Banco di Brescia (gruppo UBI Banca) a restituire a un ristoratore di Milano la somma di 300mila euro, comprensiva di capitale, interessi, rivalutazioni e spese, a fronte di un investimento effettuato nel 2000 in obbligazioni emesse dalla Repubblica Argentina. Il giudice ha evidenziato la mancanza di un documento fondamentale e che il contratto prodotto dalla banca recava una firma del cliente falsa.
La stessa agenzia stampa ha dato notizia di un'altra sentenza del Tribunale di Milano del mese di maggio in cui il giudice ha condannato la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate a risarcire ad un pensionato della provincia di Milano per 230mila euro, in seguito a investimenti effettuati nel 2000 in obbligazioni della provincia di Buenos Aires. In questo caso la banca non ha informato i clienti dell’elevato profilo di rischio dei titoli. Secondo l’istituto, invece, i titoli erano stati acquistati per espressa volontà del cliente.
Sempre l’AdnKronos ha pubblicato la notizia che il Tribunale di Padova ha emesso una sentenza non definitiva nei confronti della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo (gruppo IntesaSanpaolo), con la quale ha dichiarato nulli quattro investimenti in obbligazioni emesse dalla Repubblica Argentina per complessivi 255mila euro, effettuati da una coppia di pensionati padovani, entrambi pensionati. Il tribunale ha evidenziato la mancanza di documentazione dell’operazione.
Ancora l’AdnKronos ha riportato la notizia che il Tribunale di Firenze ha condannato Banca Toscana (gruppo Monte dei Paschi di Siena) al pagamento di 119mila euro in favore di due coniugi fiorentini che avevano acquistato obbligazioni emesse dalla Repubblica Argentina. Il giudice ha contestato il comportamento tenuto dalla banca in materia di informativa sull’investimento. L’istituto toscano non ha commentato la vicenda.
Infine, la stessa agenzia ha dato notizia di una sentenza del Tribunale di Crema che nel mese di settembre ha condannato IntesaSanpaolo a risarcire a due signore milanesi per 180mila euro, in seguito all'acquisto di obbligazioni emesse dalla Repubblica Argentina. Anche in questo caso il tribunale ha contestato la carenza informativa della banca, che sta valutando se ricorrere in appello.
Ultima modifica di rolieg il mar ott 06, 2009 8:13 am, modificato 1 volta in totale.
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

cause tangobond

Messaggio da rolieg » mar ott 06, 2009 8:12 am

Tango bond
Milano Finanza ha riportato la notizia che il tribunale di Roma ha condannato la Banca di Vignola e Monte dei Paschi di Siena a rimborsare due risparmiatori rispettivamente per 700mila euro e 480mila euro, che avevano investito in obbligazioni emesse dalla Repubblica Argentina andate in default nel 2001. I risparmiatori erano difesi dall’avvocato Angelo Castelli. Il settimanale ha ricordato che il legale ha vinto 165 cause contro gli istituti di credito che avevano investito in bond e ha permesso ai risparmiatori di recuperare 45 milioni di euro.
Plus, l’inserto del sabato del quotidiano Il Sole 24 Ore ha riportato la notizia che il tribunale di Ferrara ha condannato Banca Antonveneta a risarcire un risparmiatore che aveva investito 40mila euro in obbligazioni emesse dalla Repubblica Argentina. La sentenza ha evidenziato che l’investitore non aveva percepito il rischio del paese sudamericano, nonostante avesse in portafoglio altri titoli argentini e brasiliani. Il settimanale ha ricordato che è in corso l’azione promossa dalla Task Force Argentina a favore dei 200mila risparmiatori italiani che non avevano aderito allo scambio proposto dalla Repubblica Argentina. Tuttavia, i tempi del ricorso si prospettano molto lunghi. Infine, Plus ha ripreso le indiscrezioni relativa al possibile lancio di una seconda offerta di scambio del paese sudamericano sui titoli andati in default nel 2001. Anche in questo caso l’Argentina riconoscerebbe ai risparmiatori solo un terzo del valore nominale dei titoli andati in default.
Il Sole 24 Ore di domenica 27 settembre 2009 ha riportato la notizia dei contatti tra i ministri delle finanza di Francia e Argentina per cercare di trovare una soluzione al rimborso degli appartenenti al Club di Parigi, che raggruppa i creditori dello stato sudamericano coinvolti nel default del 2001. Si parla di una cifra di 6,7 miliardi di dollari. Il quotidiano ricorda che i risparmiatori internazionali coinvolti nel “fallimento” dell’Argentina detengono titoli per un ammontare complessivo di 20 miliardi di dollari, che diventerebbero 30 miliardi considerando anche gli interessi non pagati. Gli investitori puntano a una seconda offerta di scambio, anche se l’Argentina non ha liquidità per pagare in contanti.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti