Il cliente può chiedere i danni alla banca

Area di discussione generale aperta a tutti coloro che sono rimasti vittime dei default finanziari e desiderano apportare la loro testimonianza e il loro contributo.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Il cliente può chiedere i danni alla banca

Messaggio da rolieg » gio dic 30, 2010 9:35 pm

Il cliente può chiedere i danni alla banca anche se non ha contestato l'estratto conto

Una società di investimento mobiliare è stata citata in giudizio da alcuni clienti, i quali chiedevano il ristoro dei danni causati dalla non corretta gestione patrimoniale realizzata per loro conto. Con la sentenza 24548/10 la Corte di Cassazione rigetta il ricorso della società, negando che i clienti fossero decaduti dal diritto di agire in responsabilità nei confronti del gestore per non avere proposto tempestivo reclamo contro i rendiconti ricevuti periodicamente ricevuti.

Secondo la Suprema Corte "nessun meccanismo di approvazione implicita del conto in conseguenza dell'omessa contestazione entro uno specifico termine è previsto dalla normativa di settore". Non sono invocabili gli articoli del testo unico bancario sull'approvazione tacita degli estratti conto bancari, attesa la differenza di contenuto e di funzione tra quest'ultimo e i rendiconti di gestione. L'approvazione tacita "è limitata alla conformità dei dati contabili alle singole operazioni da cui derivano e non implica un esonero generalizzato da responsabilità della banca verso il correntista".

Né può richiamarsi l'art. 1712 del codice civile, (approvazione tacita dell'operato del mandatario), giacché esso "presuppone l'esecuzione già interamente avvenuta dell'incarico affidato al mandatario stesso, laddove la valutazione periodica di una gestione patrimoniale ancora in corso è cosa affatto diversa e, proprio per il suo carattere continuativo e perdurante nel tempo, il più delle volte ma si presta ad essere approvata per segmenti temporali", senza trascurare che la prestazione del servizio di gestione individuale di portafogli ha regole proprie, che garantiscono all'investitore maggiore tutela. L'approvazione tacita, però, può essere decisa dalla volontà negoziale delle parti, espressa nel contratto di gestione.
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Messaggio da rolieg » lun gen 31, 2011 10:12 am

:wink: :wink: :wink:
rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti